Ricorso docenti precari per la Carta Bonus Docente

Il BONUS DOCENTI deve essere erogato anche in favore dei docenti PRECARI!

È quanto stabilito dal Consiglio di Stato con la recentissima sentenza n. 1842/2022.

Per il Giudice amministrativo, infatti, il Ministero dell’Istruzione, nella misura in cui si avvale di personale non di ruolo per l’erogazione del servizio scolastico, deve curarne la formazione al fine di garantire la qualità dell’insegnamento fornito agli studenti.

Diversamente, un sistema di formazione “a doppia trazione” che vede, da un lato, i docenti di ruolo la cui formazione obbligatoria viene sostenuta sotto il profilo economico con l’erogazione della Carta Docenti e, dall’atro, i docenti non di ruolo, per i quali non vi sarebbe obbligo formativo e dunque alcun sostegno economico, è assolutamente illegittimo per violazione dei precetti di cui agli artt. 3, 35 3 97 della Costituzione.

Conseguentemente, tutti i docenti precari che a decorrere dal 2016 hanno sottoscritto con il Ministero dell’Istruzione contratti a tempo determinato (al 30/6 o al 31/8) hanno diritto a ricevere la somma di € 500 per ciascuna annualità, come prevista dalla Carta del Docente.

Si fa presente che alcuni Tribunali hanno già riconosciuto il diritto dei docenti precari all’assegnazione della “carta elettronica” per l’aggiornamento e la formazione prevista dall’art. 1, comma 12, della legge 107/2015 (Trib. di Arezzo del 22.10.2019, Corte di Appello di Roma, sentenza sez. II, 11.03.2019, n. 1077).

Anche la nostra Associazione Sindacale si propone di avviare una campagna ricorsi in favore dei docenti precari, per il riconoscimento di tale diritto, per cui si fornisce agli interessati la seguente informativa.

TIPOLOGIE DI RICORSO

Saranno avviati ricorsi individuali e collettivi dinanzi al Giudice del Lavoro competente per territorio.

OBIETTIVI DEL RICORSO

L’obiettivo che si intende perseguire è quello di ottenere il riconoscimento del diritto alla erogazione del Bonus Docenti, compresi gli arretrati a decorrere dall’a.s. 2015-2016.

CHI PUO’ ADERIRE AL RICORSO

Possono aderire al ricorso tutti i docenti precari con uno o più contratti al 30 giugno o al 31 agosto negli ultimi 5 anni, ma anche i docenti attualmente di ruolo ma che hanno sottoscritto contratti annuali negli anni compresi tra il 2015 ed oggi.

TEMPI E MODALITA’ DI ADESIONE AI RICORSI

Le adesioni ai ricorsi saranno possibili a decorrere dal giorno 5 aprile 2022 e fino al 5 maggio 2022 (salvo eventuali proroghe).

Per ulteriori informazioni e/o adesioni gli interessati, dovranno recarsi nel periodo indicato presso la nostra sede provinciale di Caserta, al Corso Trieste n. 224, nei giorni ed agli orari di apertura al pubblico.

Condividi