RICHIESTA ATTIVAZIONE PIN INPS DI ACCESSO AI SERVIZI TELEMATICI PER I CITTADINI

L’INPS, con il messaggio n. 4590 del 16/11/2016, ha fornito indicazioni in merito alla richiesta di attivazione PIN per i cittadini ai fini dell’accesso ai servizi telematici.

Nel rinviare per completezza di informazione al testo completo del suddetto messaggio, si riportano di seguito gli aspetti salienti dello stesso.

 

Richiesta e rilascio del PIN presso gli sportelli di sede

 

Richiesta da parte dell’utente

La procedura è la seguente:

  • l’utente consegna allo sportello dedicato il modulo di richiesta PIN, reperibile nella sezione modulistica online del portale dell’Istituto, modello MV35 “Richiesta assegnazione PIN dispositivo per il cittadino in sede”, con allegata copia del proprio documento di identità;
  • l’operatore INPS incaricato, verificata l’identità del richiedente, procede con l’assegnazione del PIN attraverso la procedura intranet “PIN Provisioning” al percorso “Home -> Servizi ->Gestione e assistenza servizi internet -> PIN Provisioning (Assegnazione PIN per utenti Internet)”, archiviando in procedura una scansione ottica della richiesta dell’utente e del documento di identità;
  • l’operatore INPS consegna all’utente la busta chiusa contenente il PIN che risulterà già operativo e di tipo dispositivo.

 

Richiesta da parte di altri soggetti

Per l’evasione della richiesta è necessario che vengano prodotti il modulo di richiesta di PIN, compilato con i dati del richiedente e sottoscritto dal tutore o amministratore di sostegno, e la dichiarazione sostitutiva di certificazione, attestante la qualità di tutore, curatore o amministratore di sostegno.

In caso di minore, la richiesta di un PIN può altresì essere presentata da parte di un genitore mediante la presentazione del modulo di richiesta di PIN, compilato con i dati del minore e sottoscritto dal genitore, unitamente all’autocertificazione del genitore attestante il possesso della potestà genitoriale.

Non sono ammesse presentazioni delle richieste di PIN da parte di delegati del richiedente, poiché il PIN – rappresentando l’identità digitale per l’accesso online ai servizi – è rilasciato dall’Istituto a seguito di verifica diretta dell’identità degli utenti richiedenti.

È fatta salva la possibilità che l’utente interessato si rivolga a uno dei gestori di identità (Identity provider) accreditati dall’Agenzia per l’Italia Digitale al fine di ottenere un’identità SPID e, pertanto, acceda ai servizi dell’Istituto utilizzando le credenziali abilitate secondo il sistema SPID.

 

Richiesta del PIN online

Attraverso la procedura online accessibile dal percorso www.inps.it –> “Il PIN online ->Richiedi PIN”, l’utente registra i propri dati identificativi, di residenza, i suoi recapiti telefonici ed email.

La richiesta viene sottoposta a un processo automatico di validazione dell’indirizzo che, se superato con successo, attiva il PIN, inviando via email o SMS i primi 8 caratteri del PIN e dispone la spedizione di una lettera contenente i restanti 8 caratteri del PIN all’indirizzo di residenza.

Qualora la richiesta non superi il processo automatico di validazione, la stessa sarà presa in carico per la validazione dagli operatori di outbound del Contact Center che richiameranno l’utente per le dovute verifiche. Qualora le verifiche abbiano esito positivo, la richiesta del PIN viene validata e il PIN viene comunicato all’utente nelle medesime modalità del PIN validato dal processo automatico.

 

Richiesta del PIN tramite Contact Center

L’utente, chiamando il Contact Center al numero 803.164 o al numero, a pagamento, 06 164.164, comunica all’operatore i propri dati identificativi, di residenza, nonché i suoi recapiti telefonici ed email.

L’operatore registra i dati nella procedura di richiesta PIN e contestualmente procede alla sua validazione.

L’operatore comunica telefonicamente all’utente i primi 8 caratteri del PIN, che la procedura avrà provveduto, comunque, ad inviare via SMS o via email e sarà disposta la spedizione della lettera contenente i restanti 8 caratteri del PIN all’indirizzo di residenza.

 

Condividi