RICORSO PEREQUAZIONE AUTOMATICA PENSIONI

Come è noto, la Corte Costituzionale, con sentenza n. 70/2015, ha dichiarato l’ illegittimità costituzionale dell’art. 24, comma 25, del decreto legge n. 201/2011, convertito con modificazioni in legge 214/2011, nella parte in cui limitava la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici ai soli trattamenti di importo complessivo fino a tre volte il trattamento minimo INPS.

A seguito della sentenza, l’art. 1 del D.L. 65/2015, convertito in Legge 109/2015, ha disposto che la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici per gli anni 2012/2013 sarà corrisposta nella misura del 40% per i trattamenti pensionistici di importo compreso tra tre e quattro volte il trattamento minimo Inps; del 20% per i trattamenti pensionistici compresi tra quattro e cinque volte il trattamento minimo Inps; del 10% per i trattamenti pensionistici compresi tra cinque volte e sei volte il predetto trattamento minimo.

lettera-perequazione

Condividi