MOBILITÀ DEL PERSONALE DOCENTE EDUCATIVO ED ATA: A BREVE L’ORDINANZA MINISTERIALE

Nell’incontro, tenutosi ieri pomeriggio al MIUR, a conclusione dello stesso, terminato a tarda serata di ieri, l’Amministrazione ha comunicato alle OO.SS. l’intenzione di inviare, a breve, l’Ordinanza ministeriale per la mobilità, discussa con le OO.SS., nell’incontro di informativa del giorno 25 febbraio, alla firma del Ministro. le date anticipate ieri sera dall’Amministrazione, che riportiamo di seguito distinte per categoria, non sono da considerarsi certe fino alla firma dell’Ordinanza da parte del Ministro; le rendiamo, note comunque, pur con tale riserva: personale docente: I fase dei movimenti (art. 6 Lett. A dell’Ipotesi di CCNI) domande dal 29 marzo al 15 aprile; personale docente: ulteriori fasi dei movimenti (art. 6 Lett. B e C dell’Ipotesi di CCNI) dal 2 maggio al 25 maggio; personale educativo: domande dal 29 marzo al 18 aprile; personale ATA: domande dal 22 aprile al 10 maggio. MOBILITÀ DEL PERSONALE DOCENTE EDUCATIVO ED ATA

Condividi

Dirigenti scolastici, la partita del Fondo Unico è tutt’altro che chiusa

Alcune testate giornalistiche locali, ancorché tardivamente, continuano a riportare i contenuti trionfalistici del comunicato dell’Ufficio Stampa del MIUR dell’8 marzo u.s., con il quale si annunciava l’avvenuto sbocco del Fondo per la retribuzione di posizione e risultato dei dirigenti scolastici per il 2015/2016. Proprio questo ritardato adempimento da parte dell’Amministrazione era stata una delle ragioni che avevano indotto FLC CGIL, CISL SCUOLA, UIL SCUOLA e SNALS CONFSAL a proclamare lo stato di mobilitazione dei dirigenti scolastici, con un presidio davanti al MIUR il 9 marzo, ampiamente partecipato, e a chiedere l’attivazione del tentativo obbligatorio di conciliazione e raffreddamento, avviato il giorno successivo alla manifestazione. Un tentativo che non si è al momento ancora concluso, proprio perché i chiarimenti forniti in merito ai punti oggetto della vertenza, fra cui anche il Fondo per il 2015/16, non sono risultati né esaustivi, né convincenti, contrariamente a quanto lascia intendere il comunicato ripreso poi…

Condividi

Fondi alle scuole per il bonus docenti.

Fondi alle scuole per il bonus docenti. Chi fa che cosa: collegio, consiglio, comitato di valutazione, dirigente scolastico e Rsu Autonomia scolastica come corresponsabilità di sistema  Il Fondo istituito dalla legge 107/2015 per la valorizzazione del merito del personale docente è stato oggetto di una prima informativa sindacale presso il Miur; a seguire ci sarà una prossima riunione prima che il Miur comunichi, con apposito provvedimento, alle singole Istituzioni scolastiche le quote spettanti, così come previsto dal comma 126 – art.1 della legge 107. Non appena risulteranno completate le nomine dei membri esterni da parte degli Uffici Scolastici Regionali, i Comitati di Valutazione neo-costituiti verranno chiamati alla loro operatività, e questo in una situazione nella quale quadro normativo appare ancora piuttosto confuso e il processo messo in campo dalle scuole alquanto disomogeneo. Incentivo

Condividi

Ambiti Territoriali

Pubblicati gli ambiti territoriali per la Campania. La provincia di Caserta è stata divisa in 5 ambiti (in precedenza l’USR ne aveva previsti 4). In allegato il  Decreto e la Ripartizione  

Condividi

PART – TIME PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO ED ATA – TRASFORMAZIONE RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE

Come è noto, il rapporto di lavoro a tempo parziale per il personale docente, educativo ed Ata è contemplato rispettivamente negli artt. 39 e 58 del CCNL 29/11/2007. Per entrambe le categorie di personale la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo pieno in rapporto a tempo parziale e viceversa, è disciplinata, ai sensi del comma 13, dell’art. 39 del CCNL Scuola 29/11/2007 a cui rinvia il pari comma dell’art. 58 del medesimo CCNL, con le disposizioni contenute nell’O.M. n. 446/97, emanata in applicazione del CCNL 4/8/95, e delle leggi n. 662/96 e n. 140/97 con le integrazioni di cui all’O.M. n. 55/98. La domanda per la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo pieno in rapporto a tempo parziale va presentata al dirigente scolastico entro il 15 marzo di ogni anno. E’ escluso dalla possibilità di poter presentare la domanda in argomento il personale Ata appartenente al profilo professionale…

Condividi

LASCUOLAVERA – Al via raccolta firme da consegnare alla Presidenza del Consiglio il 28 aprile in occasione della manifestazione

Affermare il diritto a condizioni di lavoro certe entro cui possano esprimersi professionalità di alto profilo, attente alle innovazioni, impegnate nello sviluppo e nella crescita di milioni e milioni di studenti; sostenere il diritto al lavoro di migliaia di giovani aspiranti docenti ignorati dal piano straordinario di assunzioni; ridare piena efficienza all’area dei servizi e riconoscimento al personale ATA; ricondurre a regole trasparenti, chiare e contrattate le procedure di affidamento di incarico ai docenti titolari di  ambito; sono  gli obiettivi principali della  mobilitazione del personale della scuola, per rivendicare il diritto al rinnovo contrattuale e un adeguato riconoscimento del proprio lavoro. PETIZIONE_unit_090316

Condividi

Concorso a cattedra 2016 – Possibilità di ricorso

Come ormai noto, nella Gazzetta Ufficiale dello scorso 26 febbraio sono stati pubblicati i bandi del concorso a cattedra 2016. Purtroppo le anticipazioni circolate nei mesi scorsi risultano tutte confermate. L’accesso alla procedura selettiva, infatti, è riservato ai soli docenti muniti di abilitazione all’insegnamento. Pertanto, resteranno esclusi dal concorso le seguenti categorie di insegnanti: i laureati non in possesso di abilitazione; i precari non abilitati (anche se con 36 mesi di servizio); i docenti di ruolo; gli specializzandi nel sostegno Come associazione sindacale abbiamo chiesto parere allo studio legale con noi convenzionato, al fine di verificare la possibilità di intraprendere azioni giudiziarie a tutela dei nostri iscritti rientranti in una o più delle suddette categorie. L’avvocato ha confermato che i bandi del nuovo concorso a cattedra presentano diversi profili di illegittimità, per cui sono suscettibili di impugnativa dinanzi al T.A.R. scarica l’intero documento

Condividi

CONCORSO ORDINARIO DOCENTI – EMANATA NOTA MIUR: LE DOMANDE PER LE COMMISSIONI ENTRO IL 19 MARZO 2016

notaMiur_5732_29feb_16 decretoMiur_97_23feb_16 decretoMiur_96_23feb_16 Comunichiamo che il MIUR ha emanato, in data 29/2/2016, la nota 5732, avente per oggetto: “Concorso a posti e cattedre, per titoli ed esami, finalizzati al reclutamento del personale docente nella scuole dell’infanzia, primaria, secondaria di primo e secondo grado per gli anni scolastici 2016/2018. Costituzione delle Commissioni giudicatrici”. Con tale nota il Ministero trasmette: • il D.M. n. 96 del 23/02/2016, relativo ai requisiti dei componenti delle commissioni giudicatrici • l’O.M. n. 97 del 23/02/2016, contenente le modalità per la presentazione delle domande a presidente e commissario e le istruzioni per la costituzione delle commissioni giudicatrici. Le domande potranno essere presentate, esclusivamente tramite la procedura Polis, che sarà disponibile sul sito del MIUR nel periodo compreso tra il 3 marzo e il 19 marzo 2016. Per la nomina a presidenti delle commissioni giudicatrici l’art. 3 del DM 96/16, prevede che possono presentare domanda docenti universitari, direttori…

Condividi