Articles by SNALS Caserta

DOMANDE DI MOBILITA’

SI AVVISANO I COLLEGHI CHE VERRANNO AL SINDACATO PER COMPILARE LA DOMANDA DI MOBILITA’ DI PREMUNIRSI DI UN ELENCO DETTAGLIATO DEGLI AMBITI E DELLE PROVINCE DA INSERIRE NELLA STESSA. La richiesta è per rendere più veloce e più “umana” la compilazione. Gli ambiti li potete scaricare dal seguente link del MIUR    

Condividi

PRENOTAZIONE DOMANDE DI TRASFERIMENTO

Si avvisano i colleghi interessati alle domande di mobilità (9 maggio – 30 maggio) che è possibile effettuare prenotazioni. Tale decisione è stata presa nel vostro interesse per evitare le lunghe file di attesa. Per prenotarsi contattare i seguenti numeri di cellulare: 3388159958 e 3286120558 dalle ore 9,00 alle ore 13,00 e dalle ore 15,30 alle ore 19,00. Eccezionalmente la segreteria osserverà i seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 13,00 e dalle ore 15,00 alle ore 19,00.

Condividi

SCIOPERO COMPARTO SCUOLA – PER IL GIORNO 20 MAGGIO 2016

Scarica il volantino per lo sciopero Docenti e ATA Scarica il volantino sciopero Dirigenti Scolastici PROCLAMAZIONE DELLO SCIOPERO NAZIONALE DEL PERSONALE DEL COMPARTO SCUOLA – DOCENTE ATA E DELL’AREA V DELLA DIRIGENZA SCOLASTICA – PER IL GIORNO 20 MAGGIO 2016 Le motivazioni risiedono nel mancato avvio delle trattative per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro e nell’esigenza di riconquistare il diritto alla piena contrattualità del salario (art. 39 della Costituzione) e delle altre materie su cui si sono avuti interventi disorganici ed estemporanei per via legislativa. Lo sciopero riguarda anche il personale della scuola in servizio nelle istituzioni scolastiche e culturali all’estero. AREA V- ANCHE I DIRIGENTI PARTECIPANO ALLO SCIOPERO DEL 20 MAGGIO Dopo l’incontro del 4 maggio, nel quale l’Amministrazione ha confermato la sua linea sulla determinazione del Fun che riteniamo inaccettabile per i dirigenti scolastici infatti non viene ripristinata la retribuzione media professionale dei DS rispetto al…

Condividi

ANNO DI PROVA – ULTIMI CHIARIMENTI

Il MIUR ha diramato ulteriori chiarimenti rispetto all’anno di prova che potrebbero sbloccare la fruizione anche per i docenti che insegnano in una scuola di grado diverso. Diciamo “potrebbero”  perchè restano le difficoltà di svolgere in un mese tutto il lavoro che gli altri docenti hanno iniziato da tempo e la possibilità di accedere ad un corso di formazione ancora non iniziato. Le novità principali del DM 290/16  sono che possono svolgere l’anno di prova: i docenti che hanno differito la presa di servizio e svolgono una supplenza in una scuola di grado diverso da quello di immissione in ruolo, purché in classi di concorso affini; i docenti nominati in fase C presso scuole secondarie di II grado e utilizzati in scuole di grado o ordine diverso. Precedentemente era stato già chiarito che i giorni di servizio da cumulare devono essere proporzionati all’assunzione in servizio Anno di formazione e prova_neoassunti_chiarimenti…

Condividi

ASSEGNAZIONE SEDE PROVVISORIA DOCENTI NEO IMMESSI IN RUOLO L.107/15 FASE B E FASE C

In riferimento ali’oggetto, per i docenti immessi in ruolo in questa provincia che harmo differito la presa di servizio si comunica quanto segue: Coloro che hanno differito la presa  di  servizio all’l/9/2016 prenderanno servizio il 1/9/2016 presso la sede di servizio che verrà loro assegnata a seguito della mobilità.   Coloro che hanno differito la presa  di servizio all’l/7/2016 titolari  di  contratto a tempo determinato in questa  provincia continueranno a prestare  servizio, fino al 31/8/2016, presso l’attuale sede ma in qualità  di docenti a tempo indeterminato.   Coloro che hanno differito la presa  di  servizio  all’117/2016 titolari  di contratto a tempo determinato in altra  provincia, prenderanno servizio il 1/7/2016, presso la sede provvisoria assegnata d’ufficio. Assegnazione sede provvisoria docenti neo immessi in ruolo fase B e fase C

Condividi

Concorso docenti: il Consiglio di Stato ribalta l’orientamento del T.A.R. del Lazio ed ammette i docenti laureati

Concorso docenti: il Consiglio di Stato ribalta l’orientamento del T.A.R. del Lazio ed ammette a partecipare alle prove i docenti laureati privi di abilitazione (Ordinanze n. 1598/2016 e n. 1600/2016).  La predetta decisione costituisce certamente un precedente positivo in vista dell’udienza camerale fissata per il 19 maggio p.v. dinanzi al T.A.R. del Lazio, nella quale saranno trattati i ricorsi avviati dal nostro studio. 

Condividi

Concorso a cattedra: il T.A.R. del Lazio cambia orientamento ed ammette alla selezione gli insegnanti Tecnico Pratici inizialmente esclusi perché privi di abilitazione.

Con Ordinanza cautelare n. 2154/2016 del 28 aprile, il T.A.R. del Lazio ha cambiato il proprio orientamento ed ha ammesso a partecipare con riserva al concorso gli I.T.P. precedentemente esclusi perché privi di abilitazione. Per il Tribunale, dunque, il bando presenta evidenti profili di illegittimità per violazione dell’art. 402 D.lgs 297/94, dell’art. 10, d.m. n. 249/2010 e dell’art. 3, comma 2, d.p.r. n. 19/2016, nella parte in cui ha escluso tale categoria di docenti. A sostegno della rilevante decisione il T.A.R. ha infatti argomentato che: gli I.T.P sono stati esclusi dalla partecipazione ai T.F.A. istituiti con d.m. 249/2010 e non rivestivano la qualità di soggetti destinatari dei cd. PAS, in quanto al momento dell’attivazione della procedura speciale di abilitazione non avevano ancora mai prestato servizio in qualità di docenti; la gravata disposizione del bando, ad un primo sommario esame proprio della presente fase cautelare, appare contrastare, con riferimento agli insegnanti…

Condividi

CONCORSO stato dei procedimenti avviati nell’interesse dei laureati e degli I.T.P.

Si informano i ricorrenti che il TAR del Lazio ha emesso pronunce di “rigetto” sulla richiesta di decreto cautelare monocratico introdotte in via d’urgenza a fronte dell’imminente avvio delle prove d’esame. Ci si riferisce ai ricorsi avviati dai docenti privi di abilitazione che, ovviamente, per i motivi di cui sopra non possono sostenere le prove del concorso. Qualora, lo stesso TAR nell’udienza collegiale per la camera di consiglio fissata per il giorno 19 maggio 2016, dovesse accogliere la richiesta cautelare di ammissione con riserva dei ricorrenti alle prove del concorso, il MIUR dovrà prevedere una prova suppletiva per gli stessi ricorrenti che non avranno potuto partecipare alle prove del concorso. Se, invece, il TAR Lazio nella predetta udienza collegiale del 19 maggio dovesse rigettare con Ordinanza collegiale la domanda cautelare di ammissione alle prove, i ricorrenti potranno presentare appello dinanzi al Consiglio di Stato e, anche in tal caso, qualora…

Condividi