Mobilità – incontro politico al MIUR

mobilità – incontro politico al MIUR

L’incontro è stato presieduto per l’amministrazione, in assenza del Ministro, dal Capo Gabinetto, Dott. Fusacchia  che nella sua introduzione ha premesso che:

  • l’incontro aveva come tema principale, sostanzialmente, unico quello della mobilità del personale docente
  • la trattativa avviene in presenza di una legge che non può essere ignorata;
  • auspica si possa arrivare a una soluzione condivisa, ma ha sottolineato la che si deve operare in tempi rapidi;
  • vi è la disponibilità dell’amministrazione a venire incontro alle esigenze che emergeranno;
  • se non si arriva alla sottoscrizione di un contratto, l’amministrazione si riserva di definire un atto unilaterale anche in modo difforme dal punto a cui si è arrivati in sede di trattativa.

La delegazione dello SNALS-CONFSAL ha ribadito nel suo intervento quanto già sostenuto in sede di avvio di contrattazione e che si può cosi sintetizzare:

  • è necessario definire i criteri di costituzione dell’organico per dare elementi chiari alla contrattazione e porre il personale in condizione di fare scelte consapevoli;
  • tutti devono poter partecipare alla mobilità ordinaria e straordinaria senza vincoli e limitazioni col proprio punteggio per tutti i posti, sia quelli che potremmo  “tradizionali” sia quelli del “potenziamento”;
  • non è possibile ipotizzare una mobilità “coatta” a livello nazionale in presenza di ruoli del personale docente che la stessa legge 107 ha trasformato in regionali;
  • si deve costruire un ordine delle operazioni che tenga conto dei diritti e delle legittime aspettative dei singoli;
  • il sindacato si riserva una valutazione non appena sarà formulata dall’amministrazione una nuova ipotesi di lavoro;
  • la decisione della sottoscrizione o meno del contratto sulla mobilità sarà presa solo alla luce di un articolato contrattuale che tenga conto dei principi irrinunciabili sopra esposti.

leggi l’intero articolo

Condividi